Ciao! Eccoci giunti all’ultima parte del tutorial dedicato al character design dei nostri manga.

Nella prima parte abbiamo parlato della definizione del termine character design e abbiamo realizzato il disegno del volto di un personaggio femminile visto frontalmente.

Nella seconda parte abbiamo visto come disegnare gli occhi nel dettaglio, come differenziare i personaggi, e come disegnare il volto di profilo.

Nella terza parte abbiamo deciso i colori del nostro soggetto e abbiamo colorato il volto precedentemente realizzato. In questa quarta ed ultima parte vedremo come disegnare il corpo umano e come definire il suo carattere.

00-MANGA-PENTEL.jpg

Per questa serie di tutorial ho scelto di disegnare Kathryn, protagonista del mio manga Poison Lips.

Disegnare il corpo

Per disegnare il corpo dobbiamo prima costruire il “manichino”, ossia un abbozzo della figura umana semplificando gli elementi e riducendoli più o meno a forme geometriche. Nel disegno manga le proporzioni sono diverse rispetto al disegno realistico: in genere abbiamo una testa più grande, un corpo più minuto e gambe più lunghe.

L’unità di misura che utilizziamo è la “testa”: in questo caso il corpo del personaggio femminile misura 7 teste e mezzo in altezza, ma possiamo anche decidere un’altezza di otto teste, o sei teste se si tratta di una ragazza più giovane. Si tratta di proporzioni “ideali” che variano da disegnatore a disegnatore. Per quanto riguarda i bambini, il numero si riduce ulteriormente.

01-MANGA-PENTEL.jpg

Per disegnare lo sketch del manichino uso la matita portamine 0,5 Energize Pencil, in abbinamento alle mine Super Hi-Polymer 0,5 HB.

Traccio una linea verticale (il baricentro) e la suddivido in 8 parti uguali. Ogni parte corrisponde all’unità di misura di “una testa”. Il mio personaggio misura in altezza 7 teste e mezzo. Disegno il manichino in modo da avere due parti quasi speculari: il peso poggia in ugual misura su entrambi i piedi, questo perché lo scopo del disegno è solo mostrare le proporzioni del corpo, la corporatura e l’abbigliamento tipico.

02 MANGA PENTEL

Per la mia protagonista mantengo le spalle strette e il bacino largo quanto la larghezza delle spalle. L’inforcatura (il cavallo) è esattamente a metà dell’altezza complessiva, e questo rende le gambe più lunghe. I gomiti sono rappresentati da un cerchio la cui posizione è più in alto rispetto all’ombelico.

Anche le articolazioni delle ginocchia sono rappresentate da cerchi e sono collocate a metà della lunghezza della gamba. Procedo ora a disegnare i dettagli utilizzando il mio manichino come base. Per il viso si fa riferimento a quanto visto nel primo tutorial.

03 MANGA PENTEL

Kathryn è una principessa, pertanto ho scelto per lei un semplice abito stile medievale/fantasy, con corpetto aderente e gonna lunga e ampia. Mantenendo le stesse proporzioni, disegno il manichino di profilo.

04 MANGA PENTEL

Ora traccio i vestiti e i dettagli utilizzando il manichino come sketch di base, come ho fatto precedentemente. Per disegnare il volto di profilo si fa riferimento al secondo tutorial.

05 MANGA PENTEL

A questo punto inchiostro con la penna a sfera SuperB 0,7 con inchiostro nero, che ha un tratto molto sottile.

06 MANGA PENTEL

07 MANGA PENTEL

Mentre aspetto che l’inchiostro asciughi perfettamente, nella pagina a lato inizio a scrivere gli aspetti caratteriali più importanti della protagonista. Inizio dal titolo, utilizzando la Sign Pen Touch azzurra.

08 MANGA PENTEL

Per scrivere i testi utilizzo la penna EnerGel X 1.0 nera. Solitamente non utilizzo penne gel ma questa mi ha conquistata: oltre al comfort di scrittura e alla punta grande, la caratteristica che preferisco è l’inchiostro ad asciugatura ultra rapida.

09 MANGA PENTEL

Dopo aver descritto il carattere in alcuni punti, concludo la pagina con alcune note personali e il background del personaggio: chi è, le sue origini, qual è il suo ruolo, la sua giornata tipo, ecc… Qui possiamo davvero sbizzarrirci con la fantasia per renderlo “vivo” (e credibile).

10 MANGA PENTEL

A questo punto l’inchiostro della penna a sfera è del tutto asciutto e posso cancellare lo sketch a matita con la gomma Hi-Polymer Mini.

11 MANGA PENTEL

Ora completo il disegno colorandolo con i Color Brush, i pennelli con serbatoio di inchiostro colorato che abbiamo visto nel terzo tutorial, e l’indispensabile Aquash water brush.

12 MANGA PENTEL

Ho cercato di usare pochissima acqua, ben sapendo che la carta della Moleskine è troppo sottile per gli acquerelli, ma in alcuni punti ne ho messa troppa e il colore è trapassato leggermente. Comunque questo è uno dei tanti modo per utilizzare i Color Brush: colore diluito usato per le ombreggiature, mantenendo per il resto il colore naturale della carta, allo scopo di dare solo un tocco di colore.

Caratterizzare il personaggio

Il vestito che ho disegnato per Kathryn è semplice ma con alcuni dettagli particolari da cui si evince che si tratti della protagonista di una storia fantasy.

I soggetti nei manga sono spesso appariscenti, hanno pettinature e outfit particolari in modo da essere ben riconoscibili; spesso indossano sempre lo stesso costume, ad esempio la divisa scolastica oppure una tuta da combattimento.

Nel mio fumetto i personaggi sono tutti diversi tra loro per corporatura, viso, capelli; volevo che fossero comunque riconoscibili e distinguibili tra loro anche quando si cambiano d’abito e di pettinatura.

Inoltre, dato che devo ripetere gli outfit più volte in ogni tavola, preferisco disegnare abiti non troppo elaborati e mi piace cambiare spesso anche per evitare di annoiarmi.

In ogni caso, il look deve essere unico. Ognuno deve avere un certo stile adeguato al suo gusto personale e al suo background: ad esempio Kathryn è una principessa e indossa sempre vestiti ampi e un po’ scollati; Gretel Ann è la figlia del fabbro e indossa spesso i pantaloni; e così via.

13-MANGA-PENTEL.jpg

14 MANGA PENTEL

Anche per questi disegni ho prima realizzato una bozza con la mina HB, poi ho ripassato con la mina 2B (e il portamine Graphgear 500 0,7).

Per quanto riguarda l’aspetto caratteriale, è importante che il personaggio abbia una personalità ben precisa, che abbia una sua morale, delle manie o anche delle stranezze, in modo da renderlo più umano e credibile.

Nel secondo tutorial abbiamo già visto come la postura dimostri il carattere del soggetto: infatti essa rivela se è coraggioso e sicuro di sé oppure se è timido e pauroso. Inoltre c’è una relazione tra il portamento e l’espressione del volto.

Kathryn è una ragazza dolce e un po’ timida. È una principessa, quindi la sua postura è sempre impeccabile. Ma quando si trova con persone con cui è a disagio (ad esempio durante i banchetti) o con il ragazzo di cui è innamorata, tende a “ingobbirsi”, ad alzare le spalle e abbassare la testa. In questo caso, il suo linguaggio corporeo è influenzato dalla situazione e dalla distanza fisica tra lei e gli altri personaggi.

Anche i gesti sono un elemento importante nella caratterizzazione del soggetto, e possono essere definiti con il movimento delle mani (volontario o involontario). 

15-MANGA-PENTEL.jpg

In questi disegni vediamo il portamento tipico di Kathryn: ha le spalle un po’ alzate, gioca con le ciocche di capelli o si tocca le braccia. Per colorarli ho utilizzato i nuovi Acquerelli in tubetto nella confezione da 24, che trovo veramente ottimi.

16-MANGA-PENTEL.jpg

Prima di colorare ho inchiostrato le lineart con la penna gel Energel Permanent blu: l’inchiostro è resistente all’acqua e non sbava quando vado ad utilizzare gli acquerelli. I punti luce sono stati creati con il marker Pentel White e i gioielli sono stati colorati con il Marker Outline argentato (mi piace vedere la differenza di effetti e texture). Ho realizzato un altro disegno più grande sempre per analizzare la postura di Kathryn. Ho colorato anche questo con gli acquerelli in tubetto e il mio Aquash water brush.

17-MANGA-PENTEL.jpg

Solitamente disegno in formato ridotto ed utilizzo poco colore alla volta: per questo ho deciso di spremere i tubetti in una tavolozza vuota e lasciare seccare il colore, per poterli usare come gli acquerelli in godet. Per riempire le aree grandi come gli sfondi, invece, spremo una piccola quantità di colore dal tubetto direttamente nell’area della tavolozza adibita alla miscelazione e aggiungo acqua con il water brush: in questo modo riesco ad ottenere una maggiore quantità di miscela.

18-MANGA-PENTEL.jpg

La Fude Pen a doppia punta ha un inchiostro idrosolubile, pertanto va utilizzata dopo che il colore si è asciugato. Ed ecco il disegno finito!

19-MANGA-PENTEL.jpg

Per preparare la scheda di Kathryn ho radunato tutti i disegni realizzati finora, i vari appunti, ritagli di carta, colla, ecc..

20-MANGA-PENTEL.jpg

Il model sheet

Il “model sheet” è un foglio su cui viene disegnato il personaggio: il volto, il profilo, alcune espressioni, il corpo, i costumi, i dettagli e segni particolari. Si devono scrivere nome e cognome e si possono aggiungere indicazioni sulle sue caratteristiche fisiche e psicologiche. Serve come reference per disegnare le tavole del fumetto.

Come già vi ho mostrato negli scorsi post, in questo caso il mio “model sheet” è stato realizzato su un art journal/sketchbok formato A4. Per praticità si possono sempre fare delle fotocopie delle pagine per tenerle sulla scrivania mentre lavoriamo ;)

Sulla prima pagina ho scritto il nome con il Color Brush turchese. Con la colla roller Tape’n’glue ho incollato i disegni fatti nel corso di questi quattro tutorial e ho scritto tutti i dati che ritenevo necessari per descrivere al meglio Kathryn. Ecco tutte le pagine:

21-MANGA-PENTEL.jpg

22-MANGA-PENTEL.jpg

23-MANGA-PENTEL.jpg

24-MANGA-PENTEL.jpg

Vi ringrazio per aver seguito questi tutorial e spero vi siano stati utili. A presto!